Firenze

Firenze sogna, appello della Fiab a Renzi: rispetti il patto

Lasciare Firenze non è facile. La sua bellezza ti ammalia, i suoi palazzi ti incantano e l’accento aspirato dei fiorentini ti coccola mentre pedali. Insomma, non fosse che tutta la penisola è susseguirsi di emozionanti paesaggi saremmo rimasti ancora per parecchi giorni. Lasciare Firenze non è facile anche perchè le sue strade sono un dedalo di sensi unici. Per dirla con le parole degli amici della bicicletta: “qui le piste ciclabili te le inventi, si diventa ciclisti fai da te“. Il sindaco però aveva sottoscritto un patto preciso. La FIAB ha deciso di lanciare un appello “al Matteo”. Nel video il sindaco rottamatore a confronto con le richieste delle due ruote a pedali.

Con Renzi non si poteva non parlare di politica e rottamazione. Affaticato quasi come Fassino ha scaricato su di me la fatica del viaggio. Le critiche più pesanti, come sempre, le ha riservate ai suoi compagni di partito.

Genova: la sfida tra candidati corre sui pedali di RadioBici

Musso ha più sprint ma se la deve vedere con la questione morale del Terzo Polo e tentare una faticosa rimonta sul rivale. Passo veloce ma fiato corto. Doria è partito favorito, pedala già da sindaco, ma rischia di avanzare col freno tirato dai partiti e sotto il peso delle aspettative di una rivoluzione arancione che deve ancora esplodere.La prima corsa tra candidati sindaci di Genova è sui pedali del nostro tandem tecnologico.

RadioBici li ha messi alla prova i due sfidanti: stesso percorso di cinque chilometri in salita, da piazza De Ferrari alla spianata Castelletto e ritorno, e li ha interrogati, ripresi e raccontati. Chi vince? Alle urne è presto per dirlo, sulla bici valutate voi.

Par condicio per lo sfidante Enrico Musso. Stesso tempo, stesso percorso. In cinque chilometri Musso si dichiara pronto ad accogliere tecnici in giunta e a smarcarsi dalle imposizioni del partiti. “Questione morale? Ce l’ha tutta la politica. Penso che chi ha guai con la giustizia deba farsi subito da parte”, ha detto al microfono di RadioBici. A frenare la corsa di Genova verso il futuro la situazione dei conti: “Le spese aumentano e le entrate tributarie diminuiscono. Non significa mettere nuove imposte ai cittadini o tassare i turisti ma occorre ridare efficienza alla macchina amministrativa. Abbiamo studiato i bilanci di due realtà amministrate dal centro sinistra come Firenze e Torino e ci siamo accorti che la nostra città è perdente nella gestione della cosa pubblica. C’è molto da fare”.

La sfida dei sindaci: tocca a Renzi

Ha riempito d’un fiato le 193 pagine di Stil Novo, il libro che da oggi è ufficialmente sugli scaffali di tutta Italia. Ma ce la farà il sindaco Matteo Renzi a reggere la pedalata su RadioBici o è da rottamare? La sfida è lanciata. L’appuntamento è fissato per giovedì mattina nel cuore di Firenze. Al manubrio Maurizio Guagnetti, ideatore e pedalatore del progetto di bicinchiesta partito il 21 marzo da Milano per attraversare l’Italia in 99 tappe. In sella anche il primo cittadino per raccontare speranze, rischi e paure di una sfida politica alla tecnocrazia. Il giro in tandem, ripreso con telecamere e radiomicrofoni, sarà anche l’occasione per fare il punto sull’amministrazione a tre anni dal primo mandato e con già pronta la candidatura alle primarie per il secondo. Come sta Firenze? Come stanno i partiti? Come procede il discorso delle rottamazioni incompiute? Insomma tra annunci, libri, esternazioni la campagna elettorale di Renzi è inziata. E lui è decisamente in sella.